Dalle havaianas agli alcolici: ecco cosa comprare in vacanza in Brasile

Quando si parte per una vacanza in Brasile la valigia è sempre semivuota.
Nel "pais tropical" basta portar con se magliette, pantaloncini, havaianas, cappello e crema solare.. pur avendo diritto a 2 bagagli da stiva, infatti, ho sempre fatto fatica a riempirne una sola (nonostante le immancabili bottiglie di vino da portare ai cugini d'America).

Discorso diverso per il viaggio di ritorno!
Il vino viene sostituito dalla cachaca, e ogni spazio vuoto è riempito da souvenirs e ragali.

Negozio in spiaggia a Jeri (2014)

MA COSA COMPRARE IN BRASILE?
Ecco un breve elenco, pensato soprattutto ai prodotti nordestini:

Havaianas: costano poco e ci sono modelli introvabili in Italia. Troverete negozi che vendono solo questo prodotto.

T-shirt: con 5 euro (ma anche meno!) puoi acquistare una bella maglietta ricordo. Sono in cotone e prodotte in Brasile, anche se il Made in China è ormai molto diffuso anche qui.
A Fortaleza le potete trovare comodamente al Mercado Central o sulle bancarelle di Beira Mar, ma nei posti meno turistici i prezzi sono ancora più bassi.

Artigianato: personalmente ho preso un quadretto colorato di Olinda (dove è possibile acquistare opere direttamente negli atelier degli artisti), una piccola Jangada (barca di pescatori) in legno come ricordo di una spiaggia, un santo in legno per la nonna, portachiavi con disegni fatti pazientemente a mano con la sabbia colorata e un centrotavola in fibra di cocco.

foto ronaldogiusti.com
Succhi frutta tropicali liofilizzati: so che non è la stessa cosa dei meravigliosi frullati di frutta fresca gustati durante la vacanza, ma questo è l'unico modo di portarsi in Italia po' di succo di maracuja, abacaxi, caju etc etc

Alcolici: quando si è in ferie si tende ad alzare un po' il gomito, soprattutto in Brasile. Quindi a fine vacanza si fa la spesa alcolica con il desiderio di proseguire l'andazzo.. ma una volta tornati (magari d'inverno), tra jetleg e rientro al lavoro voglia di prepararsi una caipirinha proprio non c'è.. ho ancora a casa della cachaca acquistata nel 2012 e del "pau do indio" acquistato ad Olinda.


Bottega di un'artista ad Olinda (2014)
Amaca: dopo aver pisolato su una "rede" all'ombra di una palma di una spiaggia tropicale, per forza di cose vorrai provare di ricreare la situazione a casa tua, ovviamente con scarsi risultati. Io ho comprato un'amaca molto bella per pochi reais, scordandomi però di non avere un giardino o un balcone abbastanza spazioso.

Costumi e bikini: prezzi ottimi e buona varietà. Potete fare shopping nei numerosi centri commerciali (stanno sorgendo come funghi), sulle bancarelle o nei negozietti delle località turistiche.

Prodotti di bellezza: non sono un'esperto, ma dicono tutti che creme e prodotti per capelli sono ottimi e hanno prezzi molto bassi.

bancarelle in spiaggia a Jericoacoara (2014)

Sigari: i sigari di Bahia sono a livello di quelli cubani? Non lo so (non fumo!), ma i miei amici hanno gradito molto quelli che gli ho portato in regalo.

Alimentari: fate scorta di "castagna di cajù", i nostri anacardi ma incredibilmente più grandi e buoni. Prezzo imparagonabile a quello dei nostri supermercati!
Se volete cimentarvi a casa con la cucina brasiliana non dimenticate i fagioli neri (per la feijoada ovviamente), caffè, cacao, farina di mandioca per preparare la tapioca, latte condensato (in italia costa molto di più!), rapadura (un dolce durissimo quasi a l00% composto di zucchero di canna), e come dolce la goiabada.
Molti prodotti si trovano anche nei negozi etnici o in internet, ma a prezzi decisamente maggiori.. meglio fare scorta!

Artigiana lavora una Cesta di carnaúba nello stato del Piauì - foto dondeandoporai.com.br

Etichette: , , , , , , , ,