Giugno 2013: La Primavera Brasiliana.. il Gigante si è svegliato

E' arrivato il giorno nel quale il popolo brasiliano si è stancato di gridare per un gol, ed ha iniziato a gridare per i suoi diritti...

San Paolo, Rio de Janeiro, Brasilia, Curitiba, Fortaleza etc etc
Centinaia di migliaia di persone in piazza.

O gigante está acordando
Il mondo parla oggi del Brasile per la Confederation Cup, parla di Neymar e Balotelli, ma sembra non accorgersi della rivoluzione in atto in questo paese: per la prima volta la gente scende in campo, o meglio in piazza, per chiedere meno calcio e più educazione, più servizi, più sicurezza, meno corruzione e meno tasse. Da 20 anni non si vedevano tante persone in piazza!
IL GIGANTE SI STA SVEGLIANDO insistono a dire i manifestanti.

Oggi il Brasile è uno dei paesei più violenti del mondo, gli omicidi annui raggiungono le 50mila vittime.
Gli insegnanti guadagnano pochissimo, si è investito tanto in stadi ultramoderni che dopo i mondiali non serviranno più a nulla (per esempio quello di Brasilia che non ha una squadra o quello di Fortaleza), e milioni di giovani crescono nell'ignoranza, il vero male di questo Brasile. Ignoranza e violenza incentivata da norme stupide, come la bolsa famiglia, la bolsa crack e i sussidi per i carcerati, che rendono quasi più conveniente non lavorare, drogarsi o delinquere piuttosto che spaccarsi la schiena per il salario minimo, circa 700 reali, poco più di 250 euro al mese.
Il pretesto del caro biglietti dei bus (solo 20 centesimi) è stata la scintilla.


Ieri, 17 giugno 2013, centinaia di persone hanno invaso il congresso, ossia il Parlamento, salendo addirittura sul tetto della struttura come si vede dalla foto accanto.

Le proteste di questi giorni sono sfociate anche in scontri con la polizia, guerriglia e feriti, soprattutto nei primi giorni nei quali la polizia ha represso duramente anche le manifestazioni più pacifiche.


Di seguito un fantastico video sulle proteste oceaniche e pacifiche in diverse città.




Dai tanti amici che ho in Brasile non traspare rabbia, ma un entusiasmo incredibile: hanno la certezza che qualcosa cambierà a breve: il Gigante si è svegliato.
La mia amica Socorro, di Caucaia (Cearà) mi scrive: "si meu amigo, estamos mudando a història" ...non c'è bisogno di traduzione.. forse per i Mondiali dell'anno prossimo troveremo un Brasile diverso, un Brasile Migliore.


Il Congresso Brasiliano occupato (17 giugno 2013)

Etichette: , , , , , , ,